giovedì 3 agosto 2017

03/08/17 - ASKANEWS - INTELLIGENCE, FORMICHE: FOCUS CON MINNITI, GIANNI LETTA E STUCCHI in occasione dei dieci anni della riforma sui Servizi segreti

Era l'agosto del 2007 quando venne varata la riforma dei servizi segreti italiani che istituì il Dipartimento delle Informazioni per la Sicurezza della Repubblica. A dieci anni di distanza la rivista Formiche dedica un ampio approfondimento all`intelligence, alle sfide che ha già vinto e a quelle che l`attendono nell`era del fast power. Ad intervenire sul mensile fondato da Paolo Messa sono il ministro dell`Interno e già autorità delegata per la Sicurezza della Repubblica, Marco Minniti, il presidente del Copasir Giacomo Stucchi e l`ex sottosegretario alla presidenza del Consiglio dei Ministri, Gianni Letta. Insieme a queste figure istituzionali Formiche ha raccolto le analisi e le opinioni di professori ed esperti quali Adriano Soi, Mario Caligiuri, Luciano Bozzo, Roberto Baldoni, Carlo Mosca, Lorenzo Vidino, Carlo Jean e Stefano Dambruoso."La diffusione della cultura della sicurezza - spiega l'editore Paolo Messa - è una delle innovazioni più apprezzabili di una riforma che ha reso l'intelligence italiana contemporanea dinanzi alle sfide nuove ed in continua evoluzione. L'approfondimento di Formiche vuole essere, nel suo piccolo, un riconoscimento ai protagonisti, noti e non, di una istituzione che è a fondamento della nostra democrazia e della nostra libertà".

03/08/17 - ADNKRONOS - SERVIZI SEGRETI: STUCCHI (COPASIR), INDIETRO NON SI TORNA

'La legge di dieci anni fa e' stata una piccola rivoluzione che ha smontato pregiudizi e sospetti' Roma, 3 ago. (AdnKronos) - "La legge 124 ha tracciato la strada di una intelligence moderna che deve avere tutti gli strumenti per prevenire e combattere i rischi. indietro non si torna". E' quanto afferma Giacomo Stucchi, presidente del Copasir, il Comitato parlamentare per la sicurezza della Repubblica, nell'intervento su 'Formiche' dedicato al decennale della legge di riforma dei servizi segreti italiani del 3 agosto del 2007.Per Stucchi si è trattato di "una piccola rivoluzione che ha smontato scenografie cartonate fatte di pregiudizi e sospetti verso il mondo dei Servizi segreti, mostrando il fondamentale lavoro svolto sul campo dall'intelligence per la protezione degli interessi politici, militari, economici, scientifici e industriali dell'Italia. Non è stata una mano di vernice ma una scelta culturale prima che legislativa, che ha saputo imprimere indirizzi, capacità organizzativa e proattiva, permettendo all'intelligence di valorizzare risorse e analisi che si sono rivelate prioritarie nell'attività di prevenzione e contrasto della minaccia". Inoltre, con la legge 124 sull'intelligence, "i Servizi segreti hanno aperto una breccia, dialogando con i cittadini: dalla cultura della segretezza si è passati alla cultura della sicurezza", osserva Stucchi.

mercoledì 7 giugno 2017

07/06/17 - ADNKRONOS - GB: STUCCHI (COPASIR), PAESI UE DICANO A ITALIA SE JIHADISTI TRANSITANO DA NOI

"I jihadisti vanno in l'Europa passando dall'Italia? Sta nelle cose, per la nostra posizione geografica, ma scopriamo che di determinati personaggi, che vivono in altri Paesi, non ci viene comunicato il loro transito in territorio italiano". Lo ha detto il presidente del Copasir, Giacomo STUCCHI, intervenendo a SkyTg24. "Ci dicessero quello che fanno, quando arrivano da noi - perché per ora questo è stato fatto solo a posteriori, mentre andrebbe fatto in via preventiva".

martedì 23 maggio 2017

23/05/17 - ADNKRONOS - GB: STUCCHI (COPASIR), ORRORE SENZA PRECEDENTI

''Sono vicino al Governo britannico, ai cittadini e ai familiari delle vittime della strage terroristica di Manchester. Sia che si tratti di un lupo solitario sia di una rete più strutturata, la matrice terroristica dell'attentato ha raggiunto un livello di orrore senza precedenti''. Così in una nota il presidente del Copasir, Giacomo Stucchi. ''L'aver preso di mira dei ragazzini per instillare nelle nostre società il terrore - continua Stucchi - deve spronare l'Occidente a fare tutto il possibile per prevenire i rischi di simili attentati; e tutto questo non può che passare da una maggiore collaborazione tra le strutture di intelligence nella comune lotta a qualsiasi forma di terrorismo''.

martedì 2 maggio 2017

02/05/17 - ANSA - MIGRANTI: STUCCHI (COPASIR), NON ESISTE ALCUN DOSSIER INTELLIGENCE ITALIANA CHE ATTESTI RAPPORTI ONG - SCAFISTI


Con riferimento alle notizie circolate circa l'esistenza di un rapporto (dossier) predisposto dai Servizi segreti italiani e attestante rapporti tra scafisti e ong per il controllo del traffico dei migranti nel Mediterraneo, dopo le verifiche del caso, alla luce di informazioni assunte, ritengo corretto evidenziare come tali notizie risultino prive di fondamento". Lo dice il presidente del Copasir Giacomo Stucchi.

lunedì 10 aprile 2017

10/04/17 - ANSA - POLIZIA: STUCCHI, GRAZIE PER IL LORO INSTANCABILE LAVORO


L'importante anniversario e' l'occasione per ringraziare gli uomini e le donne della Polizia di Stato che ogni giorno lavorano per la sicurezza dei cittadini". Cosi' il presidente del Copasir, Giacomo Stucchi, in occasione delle celebrazioni per il 165/o anniversario dalla fondazione del corpo. "Il controllo e la conoscenza del territorio - osserva Stucchi - rendono il lavoro degli agenti, insieme a tutto il comparto sicurezza, dalle forze dell'ordine all'intelligence, sempre piu' strategico negli attuali scenari interni e internazionali. Auguri alla Polizia di Stato - conclude - e grazie a tutti i poliziotti per il loro instancabile lavoro".

lunedì 3 aprile 2017

03/04/17 - ANSA - SAN PIETROBURGO: STUCCHI, E' UNA CHIARA SFIDA A PUTIN

"Colpire in modo vile tante vite a San Pietroburgo, citta' natale di Putin, e' chiara sfida a lui, al suo Governo e a tutta la Russia". Cosi' il presidente del Copasir, Giacomo Stucchi, commenta - con un tweet - le esplosioni nella metro di San Pietroburgo, esprimendo "solidarieta'".

giovedì 30 marzo 2017

30/03/17 - ANSA - TERRORISMO: STUCCHI (COPASIR), SUCCESSO DEL COMPARTO SICUREZZA

"L'operazione antiterrorismo condotta a Venezia è un successo della Polizia di Stato, dei Carabinieri e di tutto il comparto sicurezza, dall'intelligence alle forze dell'ordine". Così in una nota il presidente del Copasir, Giacomo Stucchi, commenta l'operazione della scorsa notte che ha sgominato una cellula jihadista nel centro di Venezia.

martedì 28 marzo 2017

28/03/17 - AGI - SICUREZZA: MINNITI A COPASIR, "MODELLO ROMA" ANCHE PER G7


Gli altri due grandi temi al centro dell'audizione - ha spiegato al termine il presidente del Copasir, Giacomo Stucchi - sono stati il terrorismo e l'immigrazione. "Sul primo fronte il ministro ha ribadito che l'allerta resta elevata, livello 2 (quello immediatamente precedente un attacco in corso, ndr) su tutto il territorio nazionale: siamo esposti al rischio al pari degli altri Paesi che hanno dovuto subire Attentati, come Francia o Belgio, perche' nel mirino dei terroristi continuano ad essere tutto l'Occidente e i suoi valori. Ecco perche' - ha ricordato Stucchi - la prevenzione continua a ricoprire un ruolo chiave, in un'ottica di collaborazione sempre piu' stretta con le intelligence straniere. Allo stato non ci sono minacce puntuali individuate ne' soggetti che manifestano l'intenzione di colpire ma il monitoraggio di certi ambienti e di certe realta' e' costante. E lo strumento dell'espulsione in questo senso si e' confermato molto utile". In tema di immigrazione, il ministro dell' Interno ha parlato del recente accordo con la Libia e della sua attuazione concreta che, una volta stabilizzato il Paese, potrebbe produrre effetti importanti."Nel 2017 gli arrivi continuano a crescere rispetto allo stesso periodo dell' anno scorso - ha ammesso il presidente del Copasir - e questo conferma che le condizioni meteo ormai incidono poco sulle partenze, visto che i migranti vengono raccolti a poche miglia dalle coste libiche e portati sulle nostre coste. Non e' piu' un problema per i trafficanti".

28/03/17 - ADNKRONOS - TERRORISMO: COPASIR, ALLERTA RESTA ELEVATA A LIVELLO 2

"Allerta elevata, siamo a livello '2' su tutto il territorio, come in Francia e in Belgio, che a differenza nostra però hanno subito già degli attentati". Lo dice il presidente del Copasir, Giacomo Stucchi dopo l'audizione del ministro dell'Interno, Marco Minniti, presso l'organismo di controllo dei servizi. "L'obiettivo dei terroristi è colpire occidente e suoi valori - ricorda Stucchi - . Noi cerchiamo di prevenire tutto quello che è possibile, anche lavorando nell'ottica della collaborazione con le altre intelligence".

28/03/17 - ASKANEWS - SICUREZZA , MINNITI A COPASIR: REPLICHERREMO "MODELLO ROMA" PER G7

Ottimi risultati nella gestione eventi di sabato a Roma e Milano

Anche in occasione del G7 di Taormina del prossimo maggio verrà replicato il "modello Roma" per la gestione dell'ordine pubblico in vista delle manifestazioni di protesta già annunciate. E' quanto avrebbe detto oggi il Ministro dell'Interno Marco Minniti nel corso di una audizione presso il Copasir. Un incontro con i parlamentari del Comitato per la sicurezza durata circa due ore e che ha toccato più punti: dalle questioni legate al terrorismo, soprattutto dopo l'ultimo attentato di Londra, all'immigrazione fino ai rischi legati al mondo del cosiddetto antagonismo. Al termine dell'audizione, parlando con i giornalisti, il presidente del Copasir Giacomo Stucchi ha sottolineato proprio gli "ottimi risultati" ottenuti sotto l'aspetto della sicurezza sabato scorso in occasione del doppio appuntamento di Roma, con i leaders dei paesi Ue, e a Milano con la visita di Papa Francesco nella città meneghina e il conseguente bagno di folla. Per quanto riguarda, invece, il rischio terrorismo, Minniti avrebbe confermato che nel nostro paese resta una "allerta elevata" con il permanere del cosiddetto "livello due" su tutto il territorio nazionale. Una condizione condivisa con gli altri maggiori paesi europei. "In pratica - ha poi detto Stucchi - la nostra non è una condizione troppo differente da quella della Francia o del Belgio, paesi che sono stati oggetto di attacchi diretti. Nessuno si può dire immune e l'obiettivo primario resta quello della prevenzione in collaborazione con l'intelligence dei paesi stranieri".Infine, il tema dell'immigrazione. Nel corso dell'audizione si è parlato anche dei temi legati agli accordi con la Libia che potrebbero migliorare la situazione legata agli sbarchi.

giovedì 23 marzo 2017

23/03/17 - ANSA - ATTACCO A LONDRA: STUCCHI, IMPREVEDIBILE CHI SI AUTO-ATTIVA. INTELLIGENCE PREOCCUPATA, RISCHIO DIFFICILE DA PREVENIRE

"Il soggetto che si auto-attiva e' imprevedibile, un pericolo difficilissimo da prevenire. Da parte dell'intelligence c'e' una preoccupazione che non puo' essere taciuta, ma che non deve paralizzare: si lavora al meglio per ridurre i rischi". Lo ha detto il presidente del Copasir, Giacomo Stucchi, al termine dell'audizione del direttore dell'Aisi, Mario Parente, dedicata in gran parte all'attacco di Londra ed allo stato della minaccia in Italia. Proprio quello che si e' manifestato ieri nella capitale inglese e' l'evento piu' temuto all'intelligence, che da tempo ha messo in guardia dai terroristi 'self-starters, non legate cioe' a reti strutturate, ma che abbracciano autonomamente la jihad dopo un percorso di radicalizzazione. Questi soggetti, ha spiegato Stucchi, "rispondono all'appello lanciato dal portavoce dell'Isis, Abu Muhammad al Adnani, che invitava a colpire gli infedeli con qualunque mezzo a disposizione, anche con armi bianche, come si e' visto ieri a Londra". "A mio parere - ha proseguito il presidente del Copasir - la scelta di Westminster, un luogo istituzionale, un cosiddetto 'hard target', e' stata estemporanea: l'obiettivo e' sempre quello di fare piu' vittime possibile seminando il terrore". L'attenzione degli 007, ha aggiunto, "e' poi centrata sui foreign fighters, poco piu' di cento quelli che hanno avuto a che fare con l'Italia: quelli ritornati dai teatri di guerra sono pochissimi e attentamente monitorati".

giovedì 23 febbraio 2017

23/02/17 - IL VELINO - RENZI IN USA PER BIG DATA, STUCCHI: EVIDENTEMENTE HA CURIOSITA' IN QUEL SETTORE, MA NON HA RILEVANZA POLITICA

“Visto il ruolo che l’ex premier ha oggi non ha rilevanza politica, evidentemente ha una sua curiosità in quel settore”. Così al VELINO il presidente del Copasir Giacomo stucchi commenta la notizia secondo cui la visita di Renzi nella Silicon Valley sarebbe volta a stringere nuove alleanze nel settore del Big Data dove operano le aziende della galassia Carrai. “Per quello che riguarda Carrai è tutto un altro discorso”, precisa ancora Stucchi. “Ma ora che il governo ha approvato una nuova organizzazione dell’intelligence con il Dpcm è cambiato lo scenario. Che Carrai continui a fare l’imprenditore in quel comparto rimane una sua scelta ma non c’è più il rischio che possa essere cooptato in ruoli che non si confacevano a lui”. Infine in merito al fatto che Renzi aveva detto di andare in California per visitare la Stanford e per incontrare Elon Musk di Tesla, Tim Cook della Apple, il fondatore di Airbnb, e la comunità italiana, Stucchi commenta: “non avrà comunicato l’agenda completa. Oppure la voleva lasciare riservata”.

martedì 14 febbraio 2017

14/02/17 - ASKANEWS - CIBER SECURITY, STUCCHI: E' IL MOMENTO DI UN CODICE ITALIA. PRESIDENTE COPASIR:PAESE HA COMPETENZE PER METTERSI IN SICUREZZA

"Ci aspettiamo che, nel nuovo Dpcm che aggiornerà l'architettura istituzionale della nostra cyber security, il governo getti le basi per un progetto italiano che faccia leva sulle conoscenze e le capacità scientifiche e tecnologiche di tutto il Paese, coinvolgendo università e settore privato, insieme al Comparto Intelligence ". A dirlo a Cyber Affairs è Giacomo Stucchi, senatore della Lega Nord e presidente del Copasir, il Comitato parlamentare per la sicurezza della Repubblica che vigila sull'operato dei Servizi segreti. "Non è vero", rimarca Stucchi, "che l'Italia non abbia le competenze e le compagnie necessarie ad occuparsi di un tema così delicato come è stato detto a seguito degli ultimi attacchi hacker subiti dal nostro Paese. Indubbiamente bisognerebbe investire di più nel settore e promuovere modifiche normative, ma abbiamo già tante piccole realtà, spesso sconosciute, che hanno realizzato prodotti di qualità nel campo della sicurezza informatica". "La cyber security è la nuova frontiera della sicurezza globale", dice il senatore. Quel che ancora manca, conclude il presidente del Copasir, "è la creazione di specifici prodotti strategici per la sicurezza nazionale, il cui codice - che potremmo definire un 'Codice Italia' - resti nella sua interezza solo nelle mani di uno o pochissimi soggetti posti ai più alti livelli dello Stato. Si tratta di un progetto - rimarca Stucchi - che contiamo di realizzare e sul quale hanno già puntato altri Paesi avanzati. Tuttavia, per riuscire nell'intento, dovremo unire le migliori menti dell'accademia, della ricerca e delle imprese. Il vero algoritmo è la sicurezza. Per questo servono pensieri strategici".

martedì 24 gennaio 2017

24/01/17 - DIRE - TERRORISMO. STUCCHI: DA GOVERNO IMPEGNO COSTANTE IN CARCERI E WEB

"Abbiamo constatato che c'e' un impegno costante" del governo "nelle carceri e sul web, dove avvengono i fenomeni preoccupanti di radicalizzazione". Lo dice Giacomo Stucchi, presidente del Copasir, dopo l'audizione del presidente del Consiglio Paolo Gentiloni. Per Stucchi c'e' "continuita' sulla lotta al terrorismo: tutti sosteniamo questa battaglia perche' il nemico e' fuori, non dentro, le casacche politiche non c'entrano".   

24/01/17 - ADNKRONOS - LIBIA: COPASIR, AMBASCIATA APERTA PER DARE SEGNALE A QUEL PAESE =

In cambio di risposte che vanno date alla comunita' italiana - "Tenere aperta l'ambasciata comporta dei rischi, ma in tutte le parti del mondo comporta dei rischi. E' un segnale chiaro dato a quel Paese in cambio di risposte che vanno date alla comunità italiana e alla comunità occidentale". Così il presidente del Copasir, Giacomo Stucchi, parlando dell'attentato dei giorni scorsi a Tripoli, in Libia, nei pressi dell'ambasciata italiana, al termine dell'audizione del presidente del Consiglio, Paolo Gentiloni. "C'è stata una esplosione - ha sottolineato Stucchi - non rivendicata da nessuno e condannata da tutti i 'governi' libici".

24/01/17 - ADNKRONOS - CYBERSECURITY: COPASIR, DA GOVERNO VOLONTA' DI CAMBIARE IL DECRETO MONTI

Stucchi, dopo quattro anni necessarie modifiche per contrastare attacchi informatici Roma, - "Credo ci sia la necessità di modificare alcune parti del decreto Monti e il governo ne è consapevole". Lo ha detto il presidente del Copasir, Giacomo Stucchi, al termine dell'audizione del presidente del Consiglio, Paolo Gentiloni, che si è svolta questo pomeriggio a San Macuto. "La cosa importante è che c'è la consapevolezza del governo di dovere intervenire", ha sottolineato Stucchi, ricordando come dal punto di vista della sicurezza informatica il 2013, l'anno del via libera al dl Monti "è un'era geologica fa: serve una modifica e un'attualizzazione" di quelle norme ed è "auspicabile che questo avvenga velocemente".       

venerdì 13 gennaio 2017

13/01/17 - ANSA - LIBIA. STUCCHI, INFONDATA NOTIZIA FUGA DIRETTORE AISI

Ma M5S chiede che governo e Manenti riferiscano al Copasir
 "E' completamente infondata la notizia che il direttore dell'Aise, Alberto Manenti, sia stato costretto nei giorni scorsi a fuggire dalla Libia". Lo afferma il presidente del Copasir, Giacomo Stucchi, dopo aver avuto contatti con l'intelligence."Bisognerebbe evitare - aggiunge Stucchi - in questa fase di prendere per buone fonti libiche che piu' volte in passato hanno dimostrato di non essere attendibili". La notizia della presunta fuga del direttore dell'Aise e' stata diffusa da alcuni organi di informazione ed e' stata ripresa oggi da M5S. Sulla vicenda - fanno sapere i pentastellati - "abbiamo chiesto che al Copasir vengano a riferire quanto prima il Presidente Gentiloni, appena si sara' rimesso, i ministri Alfano e Minniti, e lo stesso direttore dell'Aise. La Libia-aggiunge M5S - e' da sempre strategica per il nostro Paese ma gli ultimi governi hanno letteralmente sbagliato ogni mossa. Il Movimento 5 stelle auspica che la crisi venga risolta quanto prima e riparta una sana e proficua collaborazione tra i due Stati per risolvere in particolare il grande problema dell'immigrazione".

giovedì 12 gennaio 2017

12/01/17 - ASKANEWS - STUCCHI (Copasir): AGGIORNARE PIANO NAZIONALE CYBERSECURITY" Dpcm Monti obsoleto e in gran parte inattuato"

"Dopo lo scenario emerso con l'inchiesta EyePyramid, dai contorni ancora da chiarire, si avverte ancor di più il bisogno di riaggiornare quanto prima il nostro piano nazionale di cyber security, rimasto inapplicato in molte sue parti". A dirlo a Cyber Affairs è Giacomo Stucchi, senatore della Lega Nord e presidente del Copasir, il Comitato parlamentare per la sicurezza della Repubblica che vigila sull'operato dei Servizi segreti. In sostanza, rimarca Stucchi, "serve assolutamente rivedere il Dpcm Monti del 2013, definendo un nuovo quadro normativo che possa mettere in sicurezza il Paese. Va rivisto tutto l'impianto, creando un'unità più agile e snella che gestisca tutta una serie di ulteriori rapporti con la Pubblica Amministrazione, e per farlo vanno usate le risorse stanziate in Legge di stabilità. Mentre il Copasir, come da sue prerogative, darà una sua valutazione della revisione - qualora dovesse esserci - e farà proposte di natura normativa su leggi ordinarie". Quanto al recente caso di cyber spionaggio il presidente del Copasir conferma di aver chiesto all'intelligence "una valutazione, classificata, che è arrivata nelle scorse ore. Il vero nodo da sciogliere è chiarire quali siano i contorni reali della vicenda, ovvero quanto sia stato effettivamente rubato a seguito dell'attività e se queste informazioni siano state usate solo per guadagnare - fatto di per sé già gravissimo - o se dietro ci sia qualcosa di ancora più grosso e organizzato. Lo capiremo meglio con l'analisi del materiale presente sui server negli Usa. Come comitato - conclude Stucchi - abbiamo comunque aperto da tempo, subito dopo il caso Hacking Team, una indagine conoscitiva sull'utilizzo di malware e trojan. Stiamo portando avanti un confronto con tutti i player del settore e già la prossima settimana le audizioni proseguiranno".

martedì 10 gennaio 2017

10/01/17 - ADNKRONOS - CYBERSECURITY: STUCCHI (COPASIR), VICENDA PREOCCUPANTE, CHIARIMENTI DAL DIS =

'Necessario difendersi dalle intrusioni in modo efficace, anche attraverso normative specifiche'
"Come Comitato ci siamo subito attivati questa mattina chiedendo informazioni al Dis (Dipartimento delle informazioni per la sicurezza), che si è subito reso disponibile". Lo afferma all'AdnKronos Giacomo Stucchi, presidente del Copasir, commentando l'indagine, condotta dalla Polizia postale e coordinata dalla procura di Roma, che ha portato all'arresto di due persone accusate di spiare politici, istituzioni, pubbliche amministrazioni, studi professionali e imprenditori di livello nazionale."Seguiremo l'evoluzione della questione nelle prossime settimane", continua Stucchi che ha "già incontrato il direttore del Dis per approfondire l'argomento. Avevamo già in programma una riunione per parlare di altre materie, abbiamo aggiunto anche questo". Il presidente del Copasir si dice "molto preoccupato" da quanto sta emergendo e sottolinea che "questa indagine deve portare a capire come ci si possa difendere da queste intrusioni in maniera efficace, anche attraverso normative specifiche".

10/06/17 - AGI - CYBERSPIONAGGIO: COPASIR, ATTENDIAMO NOTIZIE DAI SERVIZI

Neppure il tempo che si diffondessero a macchia d'olio le notizie sull'inchiesta della Procura di Roma sul cyberspionaggio in Italia, e il Copasir ha immediatamente chiesto informazioni e dettagli al DIS, il Dipartimento delle informazioni per la sicurezza, diretto dal prefetto Alessandro Pansa e che coordina il lavoro di Aise e Aisi, le agenzie di intelligence italiana per la sicurezza interna ed esterna. A dirlo all'AGI e' Giacomo Stucchi, il presidente del Comitato parlamentare per la sicurezza della Repubblica, in sostanza l'organo istituzionale chiamato al controllo 'politico' dell'attivita' dei servizi segreti. "Ritengo che nel pomeriggio potremo avere le prime risposte dal DIS", afferma ancora Stucchi. Aggiungendo che piu' in generale sul tema della cybersicurezza "siamo impegnati da sei mesi in una serie di audizioni con gli attori pubblici e privati che operano in questo ambito: forze di sicurezza, intelligence e quanti tra i privati sono chiamati a prestare la loro opera professionale per istituzioni o altri enti, penso ad esempio alle Procure". Stucchi sostiene, inoltre, che "c'e' grande attenzione per questo tema che e' legato alla violazione della privacy individuale, ma piu' ancora alle conseguenze e all'uso illegale di dati sensibili per il Paese stesso".